Diventare carrierista. Manuale per farsi lasciare da un uomo.

Lascia un commento

aprile 22, 2011 di carlovanni

Manuale per farsi lasciare da un uomo.

31. Diventare carrierista

Fino a quando l’hanno fatto gli uomini, non pareva rappresentare un problema.

Nel momento stesso in cui una donna si dispone a farsi in quattro per raggiungere le vette della piramide alimentare del settore professionale scelto, ecco che, immediatamente, cominciano i dolori.

Cioè;

a dire il vero, noi uomini,

perlomeno, quelli furbi tra di noi,

era già da un bel pezzo che stavamo pensando di prendere le distanze da tutto questo carnevale di titoli, riunioni, conferenze, schedulazioni, grafici, coltellate alle spalle che,

attraverso un  qualche sia pur rimarchevole aumento di reddito (a fronte di tutta la nostra vita cosciente, e anche qualcosa in più),

porta poi senza eccezione all’abuso di antiacidi, distruzione del nucleo familiare e infine morte a 45 anni mentre si colpisce la palla da golf che taluni ancora si ostinano a chiamare“carriera”.

In molti hanno addirittura scoperto che si possono fare dei bei soldi vendendo metodi per ridurre lo stress dei manageretti all’italiana,

gente che, tutto sommato, potrebbe semplicemente rallentare, lavorare meno e trovarsi nello stesso identico stato di reddito, tolti i medicinali e la benzina per il SUV.

Ma tant’è.

Se il vostro compagno ha un mestiere normale, da pacifico, tranquillo commesso, impiegato, operaio, questo è un modo sicuro per costringerlo a levare le tende in tempi nemmeno tanto lunghi.

Quale è il segreto?

Niente di trascendentale:

se vi mettete a inseguire la carriera, una vita privata non ce l’avrete più.

Semplice, no?

Il vostro orario lavorativo comincerà alle 6 del mattino e terminerà alle 22;

se poi pure terminerà, perché non è inusuale portarsi il nervoso fin nel letto, se non addirittura proseguire col lavoro in sogno, tanto per non restare improduttive.

E, a proposito di letto:

a quello serve, cioè, dormire, se e quando si riesce.

Il sesso è un argomento da toccare semmai solo il sabato sera, perché all’indomani non si lavora (di solito), o durante le rarissime ferie che stenterete a concedervi;

perchè si sa, c’è sempre un sacco da fare, e chi ha tempo, non aspetti tempo.

I figli, nemmeno a parlarne;

chi avrebbe il tempo di curarsene?

Al cinema, al minigolf, al bowling, è impossibile;

siete coccolabile come un pezzo di travertino.

Lui, dapprima magari sarà comprensivo, anzi, vi sarà di sostengo e di sprone;

magari favoleggiando pure un aumento del tenore di vita, con tutte le mirabilie che si accompagnano al lusso.

Quando comincerà a capire che alle sere a teatro e alle cene aziendali è il benvenuto come la salma di uno scarafaggio nel barattolo dello zucchero, comincerà ad inasprirsi un poco.

E dopo molte interminabili attese assieme alla cena che si fredda (lui, uscito alle17, ha fatto la spesa e si è profuso per voi; voi, avete stuzzicato qualcosa ad un aperitivo),

comincerà pian piano a chiedersi che cosa, esattamente, sia la cosa che lo spinge a restare con voi, che in tutto e per tutto ormai assomigliate ad un uomo (anche se, ammettiamolo, vestita da uomo stuzzicate comunque un certo non so che);

e finirà con il prendere confidenza con la vicina di pianerottolo, la moglie di quell’ingegnere sempre così impegnato, così impegnato….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

aprile: 2011
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: