Il respiro del Drago, di Michael Connelly.

2

ottobre 24, 2012 di carlovanni

Connelly sulle prime non riesce a realizzare, il trillo del telefono lo fiocina nel sonno e lo trascina fuori stile tonnara.

-Mghgfhgg ghrf eh, chi. Hm?

Signor Connelly, sono io – risponde una voce giovane, maschio, sottomesso.

-HHHHRRR – Io chi?

-Lo scrittore…

– Lo scrittore de che? Sono le tre, cristo obama.

– Il suo scrittore, signor Connelly, mi scusi se l’ho disturbata, ma sono le cinque del pomeriggio e non pensavo che dormisse e…

– Non dormivo, stavo riflettendo. Che c’è? HRRRUUUUUUU – raschiando la gola.

– E’ che non so cosa mettere nel suo libro, sa, quello nuovo…sono due settimane che mi ha dato l’incarico, ma non mi ha dato il soggetto, mi scusi, credevo…

-Hrrmmmm. Vabbè, fai come al solito no? Mettici dei russi. Anzi no, i russi hanno rotto il cazzo, mettici dei cinesi, che tanto stanno sulle bàlle a tutti e non si sa mai cosa c’è nell’involtino.

– Cinesi…bene. Ma i cinesi cosa fanno, signor Connelly, mi scusi?

– Pronto? PRONTO? Cosa vuoi che facciano, pirla, ammazzano qualcuno, no? Ma mi chiami per questo? Cioè, se lo devo scrivere io dimmelo, eh, che mi pago da solo!

– No no signor Connelly, ha ragione, mi scusi, la prego, non si arrabbi, era solo per dare un’impostazione che non la dispiacesse, capisce…

– Vabbè va, tagliamo corto. Cattivi: cinesi. Bosch non muore, sua figlia non muore, puoi ammazzare un collega di secondo piano, ma non un amico. La moglie ha rotto il cazzo, ecco, non serve più. Poi mettici qualche grana con gli Affari Interni e, boh, suo fratello, l’avvocato.  Alla fine si scopre che, quello che ti pare, basta che i cattivi siano cinesi. In mezzo mettici quel cazzo che vuoi, per le solite trecento pagine.

– Come gli ultimi cinque o sei libri, insomma?

– Ma certo, non stare a perderci tempo con queste cagate…

– Va bene come titolo qualcosa di altisonante, che so” Il respiro del Drago”?

– Va benissimo, non c’entra una sega, quindi è perfetto. Ah, e bravo che mi hai chiamato, mettici qualche fuffa sulle Triadi, così tanto per dire che ne so a pacchi.

– Grazie signor Connelly, mi metto subito al lavoro.

 

 

Annunci

2 thoughts on “Il respiro del Drago, di Michael Connelly.

  1. serre ha detto:

    Uuuuuh, acidino il ragazzo!!! XD
    Secondo me la scelta del titolo si svolge tipo l’inserimento del personaggio di Pucci nello show di Grattachecca e Fichetto:
    – Produttore, rivolto agli autori: “Dategli un nome adeguato, tipo Pucci o che so io, ma più accattivante” *esce*
    – Un autore ai colleghi: “Pucci va bene a tutti?”

    • carlovanni ha detto:

      Ormai sono tre o quattro libro suo che con poche sedute al gabinetto li finisco, segno che non sono molto complicati 😀 il più bello forse è il primo con Harry Bosch, “La memoria del topo”. E che dire del film tratto dal suo libro, di e con Clint Eastwood? ORRENDO, persino i personaggi del libro, in un libro successivo, ne parlano male DDDD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

ottobre: 2012
L M M G V S D
« Set   Nov »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: