DogTown, di Mercedes Lambert

2

marzo 1, 2012 di carlovanni

“Mercedes Lambert è lo pseudonimo della scrittrice Douglas Anne Munson. Autrice di una trilogia incentrata sulla coppia di investigatrici Whitney-Lupe, Lambert ha scritto anche un notevole romanzo mainstream, El Nino. Dopo un significativo successo di pubblico, i suoi libri sono caduti nel dimenticatoio e solo a diversi anni dalla sua morte prematura sono stati oggetto di una riscoperta critica che li ha trasformati in un piccolo caso editoriale.”.

Che tristezza.

Non tanto per la morte prematura, tutto sommato, non la conoscevo mica.

Più che altro per la strana carriera a ritroso.

Capiamoci; uno scrive, piaciucchia, ma tutto resta lì.

Poi tira le cuoia, e IMPROVVISAMENTE la critica lo riscopre e ne fa “un piccolo caso editoriale”.

Mi piacerebbe proprio sapere a chi vanno i diritti e i soldi derivanti dalle vendite di questi libri “della scrittrice più amata da Michael Connelly”.

Se tanto era, come mai in vita non ha fatto il botto? Quale casa editrice NON HA investito sulla “scrittrice più amata da Michael Connelly”?

Fantastico.

Spero di non avere mai successi postumi.

Comunque, il libro ancora prima di finirlo (si beve) posso dirvi che vale la pena di leggerlo; essendo io un fedelissimo (poverissimo) fan della Biblioteca Municipale più bella del mondo (quella reggiana), non posso dire “la pena di comprarlo”, quello lo deciderò molto più avanti, magari il libro  si scatenerà dopo una lettura molto meno entusiasmante di qualcun altro.

La prima investigazione dell’avvocato Whitney e della prostituta cinefila Lupe scorre tranquillamente, senza colpo ferire, lasciandovi serenamente immergere nel personaggio femminile ANCHE se siete uomini – e non per questo potrete essere tacciati di volontà sessuomani.

Resta da vedere se gli altri due volumi della trilogia, ancora inediti da noi (pensate che ci sono stati problemi anche per il copyright della copertina…sic) saranno all’altezza del debutto;

se sì, recupero la fiducia nei libri giallissimi della Einaudi Stile Libero che avevo parzialmente persa dopo due o tre inutili siluri dei soliti eccellenti raccomandati di ferro.

—Aggiornamento —

Ok, finito di leggere.

Piuttosto confusionario, a dirla tutta.

E il finale confusionarissimo, e aperto al sequel (2, per la precisione).

Vale la pena, ma si è letto di mooooolto meglio.

2 thoughts on “DogTown, di Mercedes Lambert

  1. lesitaliens ha detto:

    Carlo, sono d’accordo con te, è un libro divertente in particolar modo per il personaggio di Lupe, ma la storia è molto confusa. La cosa che mi è piaciuta di meno è il linguaggio della protagonista, troppo Mike Hammer per una avvocatessa di venticinque anni.

    • carlovanni ha detto:

      Purtroppo l’Hard Boiled ha fatto scuola spesso incompresa, e se ne vedono i frutti, nel bene e nel male. Ripensando ora a questo libro, non mi viene neppure in mente la storia; confuso sì, specie verso i tre quarti, e affannoso nel finale. Credo di essermi sciacquato poi la bocca con qualcosa di Crumley 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

marzo: 2012
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: