Carlo Vanni Vs. Langone

Lascia un commento

dicembre 1, 2011 di carlovanni

Vabbene,

sono chiamato ad esprimere un pensiero su questo simpatico scritto, e se chiamato, non mi esimo.

http://www.liberoquotidiano.it/news/881722/Togliete-i-libri-alle-donne-torneranno-a-far-figli.html

Punto primo: non necessariamente gli italiani snobbano il mestiere di genitore. Snobbano, se possibile, le responsabilità in toto. Piuttosto di andare al ristorante e dover prenotare sono capaci di ciuccarsi di aperitivi di merda per l’eternità, così “vado quando voglio, e vado via quando voglio”.

Punto secondo: chi è di destra è realista e non si beve ideologie e utopie? Caro Langone, mi sembra che tu stia cancellando un , diciamo, 70% della storia?

Punto terzo. Langone, ciascuno sta meglio a casa sua piuttosto che a casa degli altri. Se vengono qui non è perchè c’è fisicamente spazio, altrimenti anderebbero in Antartide, nel Sahel, a fanculo (che non si riempie mai, nonostante tutti ci vadano in continuazione), e così via. Vengono qui per la promessa di un reddito papabile e di condizioni sociopsicologiche vivibili. Cosa che il nostro Paese, in relazione a tanti aspetti, non so se per il futuro sarà tanto in grado di soddisfare. L’Italia agli italiani non è uno slogan politico: è una realtà morale.  Per sopportare l’Italia devi essere italiano. E se serve, ci diventi – dentro. O soccombi.

Sempre poi dimenticando che l’italiano in realtà non esiste. La mia famiglia è sulla Treccani da sempre, e sono così imbastardito dall’famiglia  all’Atlantico da poter risolvere da solo un atlante genetico.  Per cui: ma che cazzo dici. Ben vengano da ogni parte del mondo, e ripopolino, sempre che ci tengano, o si divertano nel tentativo.

Punto quarto: non saprei, forse a casa di alcuni il reddito è così alto da poter mantenere squadre di calcio. Io non avendo necessità di coltivare latifondo e con reddito risibile, preferisco stare anche sotto il tasso di ripopolazione (aprés moi, le delùge).

 

Punto quinto. Le ricerche anglosassoni fanno quasi sempre cagare, è ora di dircelo: fondamenti straabusati e poco chiari, pagate da gente che vuole dimostrare qualunque cosa anzichè ricercare, chi legge i dati è spesso un deficiente puro in senso lombrosiano.

La scolarizzazione serve alle donne a trovare (serviva) lavoro, per cui, più stai fuori casa, più aumenti l’offerta di manodopera, meno tempo hai per figliare e per curare la prole e meno stipendio prenderai.

Volete una ricetta vera e pratica per tornare non dico a figliare come opossum, ma sicuramente a chiavare di più?

Spegnete la televisione. E magari anche Facebook, e leggete meno giornali di merda.

 

Egregio Langone, lasci fare il sociologo ai sociologi.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

dicembre: 2011
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: