89. Pronunciare la parola che comincia per A. Manuale per farsi lasciare

Lascia un commento

giugno 20, 2011 di carlovanni

Manuale per farsi lasciare da un uomo.

89. Pronunciare la parola che comincia per A. Manuale per farsi lasciare

E’ un fenomeno estremamente diffuso, che per la sua endemicità dovrebbe dar da pensare;

o quantomeno, porre sull’avviso quanti stanno per cadere nella stessa trappola, visto che i risultati sono sempre gli stessi, o suppergiù.

Invece:

ambosessi imperterriti, uniti e compatti a correre verso lo sfacelo, come le migrazioni dei lemming che si diceva andassero a suicidarsi.

I lemming, si è poi scoperto che non è vero per niente, che andavano a suicidarsi;

era una bufala di un operatore della Disney, chissà che si era fumato quel giorno.

Invece, gli innamorati o pseudo tali, quelli si suicidano per davvero, e anche con immutato entusiasmo, fin dalla notte dei tempi.

Perché lo fanno?

Secondo me, è perché hanno visto troppi film con Amedeo Nazzari e Yvonne Samson, o qualcosa di analogo.

Va bene la voglia di tenerezza, va bene l’entusiasmo per le dichiarazioni programmatiche, il desiderio di mettere un punto fermo, di prendere posizione;

tutto quello che si vuole.

Ma non potete  dire a una persona “ti amo” senza sentire, in lontananza (ma anche nella propria testa, magari), una sirena d’allarme che comincia a darci dentro come se stesse per affondare il Titanic per la seconda volta.

TI AMO?!?!?!

Ma chi vi ha mai detto che si tratti di una cosa da dire?

Se siete innamorati, è un po’ come avere un orgasmo:

sapete che sta succedendo qualcosa di interessante, ma non è che avete proprio tutto il tempo e la voglia per stare a descriverlo, al momento;

è più interessante godersela, e chiudere il becco.

Se non siete innamorati, e si va dalla tresca libidinosa all’esercizio ginnico, non si capisce perché dovrebbe saltarvi in mente di dirlo:

niente di più lontano dalla verità!

Vi è mai capitato di sentirlo dire mentre la coppietta felice si scambia gli anelli per la promessa eterna ed immarcescibile?

Certo che no;

non fa parte del rito, e poi sarebbe persino un po’ fuori luogo.

Poi, più in là, a coppia stabilmente formata, non ci si dichiara ugualmente, questo amore;

un po’ si vive senza parlarne, un po’ si dà per scontato.

Un po’, magari, già non c’è più.

E quindi: bisogna farsene una ragione, “ti amo” funziona solo nei film, solo lì trova una sua collocazione ed una ragione d’essere.

Solo lì, ha il potere di commuoverci.

Nella vita reale, per un uomo col quale non avete ancora stilato un patto di sangue (o un mutuo, che poi è lo stesso, se non peggio), ha un suono per il quale lui è culturalmente programmato a rispondere come se fosse il BANG! della partenza per i centometristi.

Infatti, se lo vedete ancora, è solo perché magari in quel momento lo avete stretto tra le braccia

(o anche tra le gambe, certo, che sono più forti);

ma vi assicuro che lui sta vivendo una genuina esperienza extracorporea.

Il corpo, è lì con voi;

col pensiero, si sta già imbarcando per il Paraguay con un passaporto falso.

Pensate:

una semplice parola, e così tanto potere nelle vostre mani.

Se gli dite “ti amo”, e non lo amate (correttamente), ma lui vi ama, si accorgerà della menzogna immediatamente,

e si allontanerà da voi.

Se gli dite “ti amo”, ma lui non vi ama, vedrete dal vivo un ghepardo a due zampe in pieno scatto.

Se nessuno dei due si ama, tra di voi, avrà un suono talmente imbarazzante da farvi desiderare reciprocamente di non vedervi mai più, se tutti e due siete in possesso di un minimo senso della vergogna.

Se invece tutti e due vi amate, sarà superfluo dirselo;

ma a meno che non siate qui per sbaglio, è una eventualità che esula dall’argomento di questo libro.

Insomma;

una cosa così semplice ed economica, vale la pena di provarla, non trovate?

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: