Parlare, sempre. Manuale per farsi lasciare

Lascia un commento

giugno 3, 2011 di carlovanni

Manuale per farsi lasciare da un uomo.

73. Parlare, sempre. Manuale per farsi lasciare

 Non sarà mai sottolineata abbastanza l’importanza della comunicazione nella vita di ogni giorno.

La parola, più di ogni altra cosa, marca la differenza tra noi, le cose inanimate e gli animali;

l’eloquio, la possibilità di comunicare stati d’animo come bisogni semplici o addirittura concetti tanto complessi quanto astratti, pensabili soltanto a partire dall’immaginazione…

Senza contare il ruolo che la voce di una persona gioca nell’idea che noi ci facciamo di lei.

A volte, basta il tono di una voce per farci innamorare, o spaventarci, o mandarci su di giri;

quante volte vi sarà capitato di sentire una vocetta stridula, e odiare perdutamente la persona dalla quale proviene?

Se è vero che l’occhio vuole la sua parte, anche l’orecchio non è certo meno pronto a reclamare i propri diritti;

sappiate che il timbro di voce, per noi uomini, non è meno importante delle dimensioni del seno, nella scelta di una compagna.

Anzi, considerato che in fondo tra le volte che prevediamo di toccare quel seno, in un arco di tempo medio lungo, e quelle in cui ascolteremo la vostra voce c’è una proporzione esageratamente sbilanciata a favore della seconda evenienza, una donna che ogni volta che apre bocca non ci ricordi il giorno in cui la nonna ha tentato di tirare il collo al tacchino ci appare oltremodo preziosa.

Purtroppo, questa cosa del timbro di voce non è alla vostra portata;

a meno che non respiriate elio di tanto in tanto, non riuscirete a fingere a lungo.

Questo, per la qualità del fiato.

Circa la quantità, invece, avrete letteralmente campo libero.

Noi uomini abbiamo ritmi circadiani molto precisi, il rispetto dei quali ci garantisce uno stato di salute ottimale.

In certi momenti

– tipo,

appena alzati,

mentre siamo impegnati in attività evacuatorie,

quando operazioni complesse tipo incollare un pezzo microscopico del modellino

o riuscire a disinnescare una bomba,

qualcuno che ci parla ci risulta estremamente fastidioso.

Non siamo fatti per poter seguire più linee di pensiero alla volta;

figuriamoci se una di queste linee è costantemente occupata da un cicaleccio continuo

(bla, bla, bla, bla, blabla, bla, blablabla,bla, bla, bla)

che si sviluppa su frequenze anche piuttosto acute, ed intensamente dolorose per l’orecchio interno, i cui delicatissimi ossicini vanno in risonanza come niente.

Voi donne non avete il dono della sintesi;

inutile dirvi che mettersi a narrare passo passo ogni singolo vostro gesto della giornata al vostro uomo è un ottimo modo per fargli vibrare i nervi come i cavi del telefono in una giornata ventosa.

Tra l’altro, è ovvio che avrete cura di scegliere argomenti che a noi non potrebbero interessare neppure se prendessero forma e ci mordessero le chiappe all’improvviso;

e,

bla, bla, bla, bla,

mentre lui legge il giornale (lo chiuderà, o se ne andrà in un’altra stanza, dove voi avrete cura di rincorrerlo),

e bla, bla, bla

mentre fa manovra (righerà certamente la fiancata, e si infurierà),

bla, bla quando vi risponde al telefono mentre lavora, e ne approfittate per raccontargli che la vicina ha portato il figlio a studiare pianoforte

(e chi se ne frega, vi urlerà lui, stizzito; voi, ditegli che è uno screanzato),

e bla, bla, bla…

Insomma, credo che abbiate capito;

non deve trovare scampo.

In nessun luogo (il gabinetto è pronto per essere dissacrato) ed in nessun momento (mentre vuole dormire, mentre fate sesso).

Finchè un giorno comincerà pure a sognarsela, la vostra voce, esattamente come diceva che faceva quando vi confessò di essere innamorato di voi.

Ma la reazione sarà ben diversa.

E a meno che non abbia ottimi tappi per le orecchie, sarà fisiologico che prenda le distanze, se non vuole finire per strangolarvi con un calzino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: