Ruggine americana – discreto

Lascia un commento

aprile 7, 2011 di carlovanni

Co me al solito, le copertine sbandierano fior di strampalati complimenti: miglior autore della regione di Sonora, pistolero più veloce della parrocchia di San Dionigi, come faceva i biscotti sua nonna, non li faceva nessuno, eccetera.

Però, superata la solita orticaria nei confronti di queste cazzate, la lettura è risultata interessante.

Non tanto per la trama, che tutto sommato, gira, gira, e resta sempre lì, o quasi.

E nemmeno per i dialoghi, che somigliano un po’ a quelli di Cormac McCarthy, vale a dire: funzionali se va bene, e indiretti.

E di sicuro nemmeno per il brutto vizio di narrare ogni capitolo col punto di vista di un diverso personaggio, cosa che da sempre mi irrita, tanto quanto fare un capitolo nel presente e uno di puro flashback e così via, come fa Van Lustbader, ad esempio.

Direi che i personaggi sono il forte di questo romanzo, e il loro punto di vista è espresso con grande capacità.

E poi, nel complesso, la storia è equilibrata e realistica, drammatica senza farcene un dramma, intelligente senza trasudare furbizia.

Insomma; un libro che si lascia leggere senza grossi problemi, e che lascia qualche interrogativo al lettore, il che a mio modo di vedere è sempre un bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

aprile: 2011
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: