Confutatis, maledictis

Lascia un commento

marzo 14, 2011 di carlovanni

Penso che sia in realtà impossibile, spiegare qualcosa a qualcuno.

Se non vuole capire, non c’è verso.

Se vuole ma non può, insistere è fatica e crudeltà.

L’unico modo sembra essere l’accensione di quella strana e irripetibile scintilla di, non c’è altro modo di dirlo, illuminazione, durante la quale il pensiero cortocircuita.

Le parole risultano inutili: come dicevano gli antichi, è più la visita di un misterioso genio, una intuizione folgorante, in cui leggiamo la realtà che ci circonda in un modo differente da quello che pensavamo fosse l’obbligo al quale lo schema fin lì utilizzato ci obbligava.

Per questo, io non insisto mai nello spiegare le cose.

Chi vuole intendere, intende. Ci si predispone alla lettura, e il lampo, se desidera, se trova terreno fertile, viene da sè.

Oppure, non viene affatto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: