La ballata delle cose da niente

Lascia un commento

marzo 13, 2011 di carlovanni

(Ballade des menus propos – 1458)

So vedere una mosca nel latte, /
So riconoscere l’uomo dall’abito /
So distinguere l’estate dall’inverno /
So giudicare dal melo la mela /
So conoscere dalla gomma l’albero, /
So quando tutto è poi la stessa cosa, /
So chi lavora e chi non fa un bel niente, /
So tutto, ma non so chi sono io.

So valutare dal colletto la giubba /
So riconoscere il monaco dall’abito, /
So distinguere il servo dal padrone, /
So giudicare dal velo la suora, /
So quando chi parla sottintende, /
So conoscere i folli ben pasciuti, /
So riconoscere il vino dalla botte, /
So tutto, ma non so chi sono io.

So distinguere un cavallo da un mulo, /
So giudicare il carico e la soma, /
So chi sono Beatrice e Belet, /
So fare il tiro per vincere ai punti, /
So separare il sonno dalla veglia, /
So riconoscere l’errore dei Boemi, /
So che cos’è il potere di Roma, /
So tutto, ma non so chi sono io.

Principe, so tutto in fin dei conti, /
So vedere chi sta bene e chi sta male, /
So che la Morte porta tutto a compimento, /
So tutto, ma non so chi sono io.

 

Francois Villon

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Io.

Archivi

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: